giovedì 28 maggio 2009

Vellutata estiva di zucchine


Ricettina molto facile e molto light, adatta a queste giornate torride, quando la fame è poca o nulla e vorremmo solo bere qualcosa di rinfrescante, in origine proviene dal ricettario KA, ma secondo me necessita di diverse modifiche e questa è solo la mia versione attuale, non è detto che non cambi ancora!


Vellutata estiva di zucchine


500 gr circa di zucchine
750 ml di acqua
5 foglie di salvia
2 cucchiai di olio
sale e pepe nero

Affettare le zucchine e metterle in pentola a pressione con l'acqua, sale, pepe e le foglie di salvia, far cuocere, sotto pressione, per 5 minuti.
Trascorso questo tempo lasciar raffreddare, quindi, togliere le foglie di salvia e passare con il frullatore a immersione, aggiungendo l'olio e aggiustando di sale e pepe.
Servire fredda.


Se la vostra fame è più grande di questo potete cuocere a parte del riso bianco che aggiungerete direttamente nel piatto.
Se la volete fare un pochino più sfiziosa (ma meno light) potete friggere in padella qualche foglia di salvia e servirla con le foglie fritte e qualche scaglia di formaggio stagionato (pecorino? parmigiano??)

mercoledì 27 maggio 2009

beh... almeno la speranza c'è!


ieri ho dovuto annaffiare il giardino.... le mie piante hanno sete, io mi sto liquefacendo e questo mi fa passare la voglia di cucinare.... ma almeno la speranza c'è!!


giovedì 21 maggio 2009

chiaro il messaggio??












la domanda è: e voi chi siete?? io mi metto in gioco, sto qui, cucino, fotografo, scrivo, parlo di me e di quello che mi circonda... ma voi.... voi chi siete???
passano di qui tante persone, ci sono giorni in cui siete un centinaio e forse anche più... (calma, calma, ci sono giorni in cui siete venti, e forse anche meno!!)
fatta eccezione per quei 10-15 affezionati, che commentano con frequenza e che ringrazio perché se non fosse per loro sentirei l'eco qui dentro, il resto per me è inesistente e a volte... deprimente!

Grazie quindi a Vaniglia e a colei che chiamo sempre Mary Poppins per il nome del suo blog (con un poco di zucchero), spero tu non te ne abbia a male, MP è stata un mito per me da piccola, per cui c'è tutto il mio affetto! a Nina e Cobrizo, che mi fanno sempre aprire il cuore, a Elena, che da tempo immemore ormai cerca di farmi aprire un ristorante ma mai ci riuscirà, a Chiara, la mia inviata speciale 001, a Salamander, che non ho parole per dire quanto la senta vicina e quanto mi ispiri una simpatia viscerale, a Babs e Babuska che ogni tanto riescono, tra i loro mille impegni, a passare di qui e lasciare un commento, a Annalena che difficilmente riesce a lasciar traccia ma sicuramente lancia sempre delle ottime idee, a Valentina, che presto tornerà in Toscana e spero di incontrare, a Juls che trasmette sempre un po' del suo entusiasmo, a Gunther che mi fa sempre delle critiche molto serie, a Sciopina e a il ramaiolo, che si sono affacciate solo recentemente, a alessandra c. che esulta per le ricette vegetariane, a Marina e Natalia, compagne gattare, a Catobleppa e Cinzia B., tra le mie prime visitatrici e anche a Viz, Stella di Sale, Antonella, Monique, Paola, Laura.lau, San Bernardo, Elisabetta, Sillaba...e a tutte/i voi che vi siete affacciati/e qui anche solo una volta, lasciando un commento, una critica, un'idea... tutti/e voi siete fondamentali, come sapete, perché altrimenti di tutto questo se ne perde il senso!

oggi DELURKING DAY, indetto da me medesima, chi passa di qui lasci una traccia, il thé e i pasticcini sono in fresco: accomodatevi e fatevi sentire....

martedì 12 maggio 2009

Fine settimana in cucina




Eccoci qua, di ritorno da un fantastico fine settimana in compagnia di alcuni/e membri dell'ormai mitico gruppo di acquisto con il quale abbiamo comprato la planetaria kitchen aid e che ... sorpresa sorpresa... si sta ricostituendo per comprare altri accessori e/o planetarie per chi si inserisce adesso, per cui se foste interessati/e potete scrivere una mail a: gruppoka[punto]blog[chiocciola]gmail[punto]com (ovviamente cambiando tutto ciò che sta nelle parentesi quadre, e le parentesi quadre stesse, con ciò che c'è scritto dentro...mi dispiace ma... è l'unico modo che conosco per evitare lo spam!), senza impegno, solo per avere informazioni, abbiamo già un listino definito e stiamo già raccogliendo l'ordine... come siamo efficienti!!!

Tornando al fine settimana: il gruppo si era trovato così bene insieme e ci dispiaceva così tanto chiudere tutto e tornare nel tran tran quotidiano che abbiamo deciso di rimanere in contatto, per cui abbiamo un blog comune e ci siamo anche lanciate nell'organizzazione di incontri di cucina.... e a quanto pare ci riesce pure parecchio bene!!! (o meglio: riesce a chi lo ha organizzato perché io in tutto questo ho fatto ben poco... devo invece assolutamente ringraziare Acquaviva e Salamander! ;-))
E' stato bellissimo, abbiamo (vd. hanno) contattato un cuoco (Renzo Neve) del Teatro 7 di Milano, abbiamo deciso con lui il menù e ci siamo ritrovati/e tutti/e nella cucina della Foresteria a Loranzé Alto, vicino Ivrea, gestita da Cinzia e Andrea (lei facente parte del gruppo di acquisto)... la loro ospitalità unita alla simpatia e alla disponibilità sia loro che del cuoco hanno fatto sì che tutto funzionasse a meraviglia, abbiamo cucinato insieme tutto il pomeriggio e la sera abbiamo assaggiato ciò che eravamo riusciti/e a fare insieme.... mmmm.... che delizie!!!
Per gli approfondimenti rimando al blog del gruppo, dove a breve faranno la loro comparsa un resoconto della giornata con il reportage fotografico e le ricette!
Per me l'esperienza è stata bellissima, perché cucinare insieme è molto divertente, perché il gruppo è veramente un bel gruppo in cui nessuno cerca di imporsi sugli altri, l'impressione era che fossimo tutti/e felici di stare insieme e cucinare, a prescindere dalla nostra esperienza ai fornelli, era la prima volta che ci vedevamo in faccia per cui è stato anche divertente associare i visi ai nomi... e spesso l'immaginazione si scontrava con la realtà per lasciar posto a delle simpatiche sorprese! (non so voi ma io mi costruisco sempre un'immagine del mio interlocutore quando parlo con qualcuno che non conosco e non posso vedere!)
Siamo usciti/e tutti/e da questa giornata avendo sicuramente imparato molte cose nuove, trucchi in cucina, utilizzo degli attrezzi, ricette... quindi direi che sia per l'aspetto umano che per l'aspetto pratico è stata sicuramente una giornata intensa!

Ricomincia quindi la settimana, con i soliti ritmi...

giovedì 7 maggio 2009

Mimetismo animale e compleanni


Il mimetismo animale mi ha sempre affascinata.. i miei genitori raccontano (ed io ricordo e confermo) che quando ero piccola avevo due libri preferiti: uno era un insieme di fotografie che loro avevano ritagliato dalle copertine dei fascicoli di un'enciclopedia sugli animali e messe in un raccoglitore con le pagine trasparenti per noi piccoli, l'altro era un libro sul mimetismo animale... passavo ore e ore a sfogliarli, rapita ed ammirata!
Il mimetismo è affascinante, perché da una parte ti rendi conto come questo ha permesso ad alcuni animali di salvare la propria vita, a scapito di altri che nell'ambiente in cui si trovavano erano troppo visibili e, quindi predabili, mentre altre volte ti rendi conto di come alcuni animali siano consapevoli dell'ambiente che gli sta intorno (verrebbe da dire che sicuramente lo sono più di alcuni di noi!)... prendiamo ad esempio questi begli esemplari di gatti domestici.... (:-D ah, ah, ah!... avete temuto il post serioso, eh?!?)

dov'è Selva??



















e dov'è Pistone???
















ha dell'incredibile come si mimetizzino in uno spazio che non offre poi così tante possibilità! posso assicurarvi che quelli sono i luoghi che loro prediligono per dormire (di giorno o la sera quando non siamo in casa) e non li abbiamo condizionati in alcun modo!
Selva ha dell'incredibile perché a volte non la vediamo proprio (talvolta questo non va molto a suo favore visto che una volta ho preso il puf per spostarlo senza vederla, con conseguente capitombolo!), mentre Pistone, con quelle macchie nere ha la vita un pochino più difficile... ma se la cava bene!!

Tutto questo anche per dirvi che il primo maggio, oltre ad essere la festa del lavoro, quindi una data già di per sé molto importante, è stato anche il

primo compleanno di Selva!!!

(virtuale ovviamente visto che è stata trovata!)

E' quindi giunto il momento di fare i primi bilanci... lascio la tastiera a Selva, che ci illustrerà, rispetto a ciò che mangia:

quello che le piace da impazzire (in ordine decrescente)
  1. la carne alla griglia (vitello, spezzatino, bistecca di manzo, etc)
  2. il merluzzo con le bietole (e con le zucchine)
  3. il lievito di birra in compresse (non è una pappa e non lo cucino io ma a lei piace da morire... mentre Pistone dissente)
  4. la platessa alla griglia o con riso e carote (vd. ricetta merluzzo e bietole)
  5. le sovracosce e le cosce di pollo con le carote
  6. i formaggi stagionati (parmigiano e pecorini stagionati in generale)
  7. il tuorlo d'uovo crudo

quello che non le piace tantissimo, ma apprezza comunque
  1. il ragù a modo nostro
  2. il fegato alla griglia (ma altri gatti lo adorano!)
  3. i pesciolini al cartoccio (vanno tutti bene...)
  4. il merluzzo con lattuga e finocchi (ma anche con carote e finocchi o con la sola insalata)
  5. le ombrine con la zucca

quello che non le piace affatto
  1. la carne lessata (fatta eccezione per il pollo)
  2. le scatolette (puah! che puzza....), fatta eccezione per quelle biologiche, senza conservanti e schifezze varie, perché evidentemente assomigliano molto ad una pappa cucinata
  3. la verdesca

Visto, letto e sottoscritto da Pistone!

martedì 5 maggio 2009

dalla schiscetta al catering il passo è breve....



Ebbene sì, non era un abbandono il mio (una settimana senza più dare notizie!), né mi sono stufata di scrivere qui... solo che un giorno parli di schiscetta e il giorno dopo ti ritrovi a gestire un catering!
Detta così sembra più grossa di quello che è, ma il succo è questo: nel mio ufficio da qualche tempo avevamo un simpatico ragazzo (un ex-informatico) che portava il pranzo a chi lo ordinava, un menù settimanale vario, che ho spesso contestato sotto alcuni aspetti (l'assoluta mancanza di stagionalità per esempio) ma che riusciva a far mangiare decentemente chi, altrimenti, avrebbe mangiato solo panini o piatti confezionati del supermercato! Inizialmente avevano insistito perché lo facessi io e non lui, ma non volevo mettermi in concorrenza con chi molla il lavoro per lanciarsi in una nuova avventura e poi mi piaceva l'idea di studiarmi le modalità e i menù, così ho lasciato perdere.
Ha dato a tutti il tempo di assuefarsi e... un paio di settimane fa ha avuto un'offerta di lavoro a cui non ha potuto dire di no! per cui ecco ripresentarsi la domanda.... stavolta non potevo rifiutare, per cui ora la mattina non porto più la mia schiscetta, ma 5-6 porzioni!
Fortunatamente non è un ufficio grosso e, fortunatamente, si accontentano :-)

Nel frattempo quindi, visto che la mia schiscetta non poteva contenere 5-6 porzioni, ho sfogliato quanto mi avevate mandato per la raccolta "M'illumino di meno", alla ricerca di qualcosa che mi aveva folgorata... il furoshiki di comida de mama!!
Il furoshiki è un quadrato di stoffa, utilizzato tradizionalmente in Giappone per trasportare oggetti di qualsiasi forma visto che, facendo pieghe e nodi, si adegua alla forma dell'oggetto e si ottengono pacchetti molto carini e pratici... io vi consiglio di provare, a me l'idea è piaciuta tantissimo (tant'è che il pacchetto qui sopra è proprio di una delle mie pentole in partenza per l'ufficio!) e, se il sogno si avverasse e ad anno nuovo scomparissero le buste di plastica, è un'idea che può tornare utile!
Anche se un articolo di ieri de "La Repubblica" lascia intendere che questa rivoluzione sarà rimandata ancora :-(( possiamo sempre appellarci alla nostra coscienza e, se i supermercati venderanno ancora buste di plastica e i negozi ce le proporranno, possiamo non comprarle portandoci le nostre bellissime buste di stoffa e un furoshiki piegato in borsa per le cose di tutti i giorni!!

Ecco alcune pieghe (l'immagine originale la trovate qui):


Per cui, il primo giorno sapete già cosa ho portato, perché era buttato lì nel post precedente, poi ho portato tante altre cose, ma di questo avremo tempo di parlarne nei prossimi post...