mercoledì 28 ottobre 2009

le marche



Non vi ho raccontato di essere stata nelle Marche recentemente, per l'esattezza un paio di settimane fa. Siamo stati nella zona di Camerino, sede dell'Università che, solo a vederla, viene immediatamente in mente che.... beh, io e l'altra metà abbiamo deciso che nella prossima vita faremo l'università a Camerino, magari a deciderlo adesso siamo sicuri di re-incontrarci!!
Cosa ci ha colpito: abbiamo mangiato benissimo, funghi, tartufi, il famoso ciauscolo (un salame fresco spalmabile....), il pecorino di fossa, formaggi di capra stagionati, la trota grigliata al tartufo (!!!), bevuto altrettanto bene e qui la lista sarebbe lunghissima: dal Rosso Conero al Lacrima di Morro d'Alba, passando dal Rosso Piceno, la Vernaccia di Serrapetrona, il Verdicchio dei castelli di Jesi e quello di Matelica.... e perché lasciar fuori allora il localissimo Mistrà?? oggi conosciuto come Varnelli, un liquore all'anice, volendo molto simile al Pastis e infatti si consuma nello stesso modo (puro, diluito nell'acqua o nei cocktail...), ma, sopratutto, nelle Marche, a differenza della Toscana, le campagne sono poco urbanizzate, per cui ci sono questi infiniti paesaggi con qualche casolare qua e là, e non piene di strade, superstrade, autostrade, città e paesi.... sono campagne coltivate, ma comunque molto poco antropo-soffocate... e questo termine l'ho coniato ora per cui se non è chiaro chiedete pure.
Infine le città, i paesi, sono molto belli, spesso hanno mantenuto centri storici medioevali, quindi molto tortuosi, poco accessibili alle macchine....
beh... non credo ci sia da aggiungere molto altro, credo che ci siano regioni bellissime e le Marche, con l'Umbria e la Toscana ne rappresentano un esempio straordinario, le Marche hanno forse un vantaggio, ma non so quanto durerà, sono ancora poco turistiche, per cui sono ancora molto ruspanti e poco contraffatte.









16 commenti:

  1. Anch'io sono molto ruspante e poco contraffatta.
    Ma ultimamente mi sento un pò antropo-soffocata. Quanto durerà?
    ;)
    Che bello sentir descritta così la propria regione, ti vengo a trovare all'università alla prossima vita ;)
    un abbraccio da qui
    Nina

    RispondiElimina
  2. bello evelyne! bellissimo post, foto e ricette.
    io la pasta madre però l'ho fatta morire...ebbene sì. cinzia (la nostra amica romana)è stata precisissima, mi ha aiutata a "crearla" passo a passo e io l'ho lasciata morire. secondo te il pane lo posso fare con il cubetto di lievito?
    ps: per halloween provo a fare i panini col cavolo nero. so che li avevi fatti lo scorso anno e ti erano piaciuti. proverò e ti farò sapere. secondo te resistono due giorni? li vorrei preparare in anticipo ...diciamo 2 gg prima perchè all'ultimo non ho tempo! che dici?

    RispondiElimina
  3. sono davvero dei posti incantevoli quelli che hai visitato...ancora genuini proprio come questo meraviglioso pane!
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  4. mamma come sei brava a panificare ! Mi farai qualche lezione :-)
    Mio fratello mi aveva regalato un pezzo di preziosissima pasta madre , sono riuscita a farla morire ! Ho avuto i sensi di colpa per settimane !
    Quindi prima lezione : la pasta madre .

    RispondiElimina
  5. Meraviglioso... sto riniziando ad assaporare la fortuna di vivere in zona toscana umbria marche.... e mi ritrovo assolutamente nelle tue parole! Ciao Vale

    RispondiElimina
  6. ps: pasta madre rinfrescata vuol dire nutrita? cioè, la solita aggiunta di un po' di acqua e un po' di farina?

    RispondiElimina
  7. Ottimo pane... ho lavorato qualche mese nelle Marche (a Jesi) ed è vero...sono proprio ancora una terra inesplorata per tante cose... mi ricordo ancora di un vino eccezionale mai più trovato: Il Nerone!

    RispondiElimina
  8. @ nina: così poco antropo-soffocata che neanche una copia delle pagine bianche sono riuscita a trovare!! ma ti rendi conto??
    incontriamoci all'università, facciamo il 3 ottobre alle 10?? corso di... ?? questa la lascio decidere a te.

    @ Fra: sì, incantevoli, hai ragione...

    @ Chiara: ma magari essere brava come dici tu!!! in realtà mi diverto ad imparare sempre qualcosa di nuovo.... comunque, se vuoi, la porto anche a te a BZ (con salamander ci siamo parlate per posta)!

    @ valentina e iana: le vostre parole mi fanno felice, perché trovo conferma di non essermi illusa....

    @ salamander: esattamente! stesso peso in farina e metà in acqua

    RispondiElimina
  9. ma che bel pane...e come è ricco...io oramai faccio tutto con la pasta madre...come si fa a stare senza? :)

    RispondiElimina
  10. @ Lo: assolutamente d'accordo: MAI PIU' SENZA!!

    RispondiElimina
  11. ah... la mia terra.
    mi è passato un brividino nella schiena.
    chi è quel lindo gatito? che amore, che splengore di gatito marchigianetto.
    (varnelli, sì!)
    il pane che aspettavo!!!! che bello, che bel post ragazza.

    RispondiElimina
  12. @ salamander: ma di niente!!!

    @ vaniglia: è un gatto marchigiano.... mi ha guardata un po' e poi ha deciso che non gli avrei fatto niente di male... e si è rimesso a dormire.
    mmm... c'è un altro pane che ti dovrei far conoscere, uno di questi giorni lo pubblico!

    RispondiElimina
  13. *evelyne: io aspetto, e adesso mi vado a vedere gli altri micetti che hai postato!

    RispondiElimina
  14. ora si che capisco perchè mi dicevi di essere una panificatrice folle!!! Ma riesci a mantenere sempre viva la madre? Sei davvero sorprendete cavolo! Brava brava brava!!! Sai che una delle poche persone con cui mi piacerebbe dividere la cucina per un pomeriggio di esperimenti e pasticci?

    RispondiElimina
  15. @ elena: e sai che anche io pasticcerei volentieri con te?? e sei una delle poche insieme a due che ti precedono in questi commenti?? ma tu guarda a volte....
    ps la mia madre l'ho uccisa e poi recuperata... c'est la vie!

    RispondiElimina