martedì 23 giugno 2009

il mio primo formaggio

beh, formaggio, si fa presto a dire formaggio!
ho un'innata curiosità per le cose autoprodotte, che sia una cosa da costruire, da ideare, da cucinare o altro io mi ci butto a capofitto... e una delle mie fisse è diventata la produzione di formaggi, non so se è perché non riesco a trovare abbastanza informazioni che la cosa mi sta prendendo così tanto o se avrei comunque avuto questa fissa.... comunque, per ora non ne so molto, ma so che ogni tanto il latte che mi portano al GAS tende a cagliare naturalmente, per cui è impossibile utilizzarlo per farci lo yogurt... per cui ideona!!! sfruttiamo la sua "attitudine" per fare il primo esperimento di formaggio!
le uniche informazioni che avevo provenivano dal blog "Il cucchiaio d'oro" e riguardavano il Paneer, un formaggio indiano molto simile alla ricotta... per cui ho provato, ma siccome come ho detto il mio latte tendeva a cagliare naturalmente non è che io abbia fatto molto!
Devo dire che oltre ad assomigliare terribilmente alla ricotta, è assolutamente adatto per essere mescolato con erbe aromatiche a piacere e spalmato su un muffin salato o su una focaccia.
Comunque sia, questo è il procedimento:



Formaggio fresco

1 litro di latte crudo di capra
mezzo cucchiaino di sale
(il succo di mezzo limone: io non l'ho usato vista la premessa)

Scaldare il latte sul fuoco, portandolo ad ebollizione senza farlo attaccare sul fondo, quindi aggiungere il sale e togliere dal fuoco, (a questo punto la ricetta vorrebbe che fosse messo il limone, in modo da far "fioccare" il latte) con una schiumarola raccogliere i fiocchi che salgono in superficie e metterli in un colino a maglia stretta (o in un colapasta rivestito con una garza o, comunque, qualcosa che permetta al siero di colar via).
Far scolare bene, quindi mettere in un vasetto e far riposare in frigo almeno un'ora (quello in foto è il risultato appena ottenuto, prima del riposo in frigo, con il riposo si rassoda molto).

La resa non è molto alta, io ho ottenuto solo 140 gr di formaggio da un litro di latte... ma proverò ancora e vi farò sapere a cosa mi portano le mie sperimentazioni!!


ps completamente fuori tema ma volevo chiarire questo punto: i post sulle grappe e liquori sono di San Bernardo, ne cura lui le ricette, io mi limito ad inserire immagini, impaginare e pubblicare, per cui i commenti che fate in quelle pagine sono a lui diretti, nel primo post ho risposto a qualche commento che sembrava diretto più a me che a lui, ma mi piacerebbe che rimanesse la distinzione tra le due cose, di modo che anche lui sia tranquillo nel rispondere a chi commenta al suo post. Magari chissà... ne potrebbe uscire una collaborazione interessante!

8 commenti:

  1. Buongiorno! Ti ringrazio per ...l'esaltazione...troppo buona...Ma, come diceva qualcuno tempo fa...'non sum dignus'....A prescindere da ciò , non credo che la grappa possa entrare nella composizione del formaggio:può eventualmente aiutarne la digestione. Ma,visto che sei alla ricerca di nozioni casearie , perchè non provi a sentire l'esimio prof. Dario ? La Scienza (con la maiuscola trattandosi di roba seria) aiuta molto ,ma occorre sapere dove mettere le mani...San Bernardo

    RispondiElimina
  2. @ S.B. ma smetti..... dal momento che curi questa raccolta sei degno eccome!!! scomodare la Scienza?? non oserei tanto... però accetto il suggerimento e sbircio nel suo blog per vedere se trovo qualche informazione in più... mi piacerebbe imparare qualcosa sulla stagionatura dei formaggi!

    RispondiElimina
  3. A me piacerebbe riuscire a fare il formaggio fresco come lo faceva la mia nonna (in Bosnia), ho provato con il latte fresco intero comprato al supermercato, con scarsi risultati. Ci vuole il latte veramente intero, appena munto.

    RispondiElimina
  4. Dajana,come ho già detto in altra occasione a...qualcun'altra...:elementare Watson ! Servirebbe il latte appena munto ! Con tutto il suo carico di grassi ! Quindi 'intero'! Ci sono in giro per l'Italia dei ..'distributori' di latte , tipo ...stazione di servizio per auto...però non so dove siano e non posso aiutarti .San Bernardo

    RispondiElimina
  5. @ Dajana: si, come giustamente dice S.B. ci vuole il latte crudo, con il latte pastorizzato non puoi farci niente, perché il riscaldamento e successivamente la conservazione ammazzano completamente la flora necessaria, se vuoi puoi provare a vedere qui http://www.milkmaps.com/ se trovi qualcosa vicino a casa tua... meglio ancora sarebbe del latte crudo biologico... così sei sicura di mangiare sano davvero! vedi se vicino a casa tua esistono dei produttori biologici che hanno mucche, saranno ben felici di venderti del latte! (oppure vedi se c'è un GAS nella tua zona.... così oltre al latte troverai anche molti altri prodotti biologici!)

    RispondiElimina
  6. grazie per il consiglio.
    Mi sembra di aver visto un'distributore qui a Modena, devo indagare, signor Holmes.

    RispondiElimina
  7. ...oppure dalle parti di Salsomaggiore...mi sembra di aver visto un servizio televisivo che e parlava, tempo fa.......

    RispondiElimina
  8. Ciao Evelyne

    ho fatto anch'io il formaggio aggiungendo succo di limone e alla fine anche aceto perche non voleva fioccare :-) Leggendo la tua ricetta mi sono ricordata che la mia mama con il latte che cagliava alla bollitura procedeva come te ... la prossima volta lascio il latte fuori dal frigo alcune ore prima di bollirlo e poi procedo come te senza limone.

    RispondiElimina