martedì 17 marzo 2009

sformati di zucca


sono un'imbranata.. per una volta che avevo fatto una foto di cibo che mi piaceva tanto l'ho cancellata... sformati di zucca?? quali sformati? quale zucca? io????? cancellata?... canc che?
stupida oca.... no, non correte in mio soccorso morale, non è che mi tratti così tutti i giorni... ma quando uno fa la cavolata fa la cavolata, inutile nascondersi dietro a un dito....
meno male che ultimamente mi sono divertita a fotografare un po' di verdure per i momenti bui... altrimenti avreste una bella ricetta senza foto... e se non sbaglio tempo fa fui proprio io a dire che le ricette senza foto non si possono vedere!! così ecco, non è la sua... ma è rappresentativa, non da un'idea di cosa dovrebbe essere, ma tanto uno sformato/tortino/flan lo sapete tutti/e che aspetto ha.. per cui uno sforzino di immaginazione lo potete fare per me.. per pietà di me.... tanto visto che sono io sul colore non potete sbagliare: è arancione!!
E poi, nell'ottica della ricerca del perdono ma anche e sopratutto per abbellire questo post vi volevo presentare due nuove inquiline... no, non sono gatte, non sono impazzita del tutto! sono due nuove piante travasate in questi giorni, una abbellisce il mio terrazzo, l'altra, per ora, fa la reginetta di bellezza nel mio giardino... per ora ho detto! poi le altre avranno un moto d'orgoglio e faranno il loro dovere, vedrete!!

Ecco quindi la sunsatia (che a me piace pensare che il nome voglia dire "sazia di sole"), che nasce dall'ibridazione di una nemesia e che fiorisce tutta l'estate (lo spero!)




e la magnolia stellata... il mio sogno nel cassetto... erano anni che volevo un giardino per poter piantare questo magnifico albero... ehm.. per ora cespuglione... via su, arbusto! ma con calma crescerà... tanto io mica ho fretta di cambiare casa, ho un mutuo da pagare per i prossimi 15 anni per cui vicini o non vicini o vinco al superenalotto o rimarrò qui ancora un po'... malgrado tutto... sempre che io non trovi la casa dei miei sogni sperduta sul monte a pochi euro.. perché allora re-impacchetto tutto e trasloco subito!!

Aggiungo solo che la ricetta fa parte dei soccorsi ricevuti quando tempo fa chiedevo aiuto per l'invasione di zucche in casa mia (da cui anche i biscotti alla zucca di Natalia, uno dei primi post), in questo caso l'insostituibile Salamander (fino a quando riuscirò a trovare aggettivi che ti descrivano? ne ho già "sprecati" un bel po'..) arrivò in mio soccorso con questa ricetta e io l'ho messa in un cassetto della memoria, perché nel frattempo avevo optato per un risotto, dei biscotti e non mi ricordo cos'altro... ma adesso è di nuovo un momento di "panico"-zucca, perché qui ha piovuto veramente tanto e tutti gli ortaggi a foglia ne hanno subito le conseguenze, per cui dal fornitore di verdure del gas continuano ad arrivare zucche (che quelle si conservano bene)... ed io non amo ripetermi troppo, per cui ecco che diventa fondamentale la ricetta di Salamander!


Sformati di zucca

ingredienti
6-700 gr di zucca già pulita
3 uova
100 gr di formaggio di capra stagionato
noce moscata
olio
sale e pepe



Cuocere la zucca a vapore (o, in alternativa, dentro ad un ciotolino chiuso nel microonde, il risultato è lo stesso), quindi saltarla in padella con un pochino di olio, sale e pepe, per farla asciugare un po'.
Metterla nel bicchiere del frullatore a immersione con le 3 uova sbattute con il formaggio grattugiato e la noce moscata e frullare fino ad ottenere un composto omogeneo.
Ungere 5-6 pirottini con un pochino di olio o burro, versarvi dentro il composto e infornare a 180° C per ca. 30 minuti.
Si possono servire con una fonduta, una béchamel o, come ho fatto io, con un'insalata di carote e rape, tagliate a striscioline con il pela patate e condite con olio, sale, pepe e aceto balsamico.

La ricetta originale prevedeva l'utilizzo di parmigiano (e non di formaggio di capra) e di panna (che io ho proprio eliminato, come mio solito, perché è uno degli "alimenti" che più rifuggo).

9 commenti:

  1. la magnolia credo che sia una delle mie piante preferite..ne ho una Niger nel giardino.. ma quest'anno non ha sfornato fiori...uffa...
    Stasera provo le chips di zucca e poi ti faccio sapere....
    Ciao V

    RispondiElimina
  2. ps... non te la prendere per le foto... io una volta in unclik ho fatto fuori tutte le foto delle vacanze... ;-))

    RispondiElimina
  3. ciao! ho giusto l'ultima zucca da finire... proverò questa ricetta :)
    Ps grazie per gli auguri

    RispondiElimina
  4. @ valentina: grazie, non me la prendo... è che io sono della scuola del rullino! la digitale sto imparando ad usarla adesso e ti assicuro che è un ciotolo, per dirla alla toscana, per cui dovrei essere fiera! è una tra le prime digitali (tutte compatte) uscite sul mercato, nemmeno una reflex mi tocca.... ma adesso comincia la rotta di avvicinamento al compleanno... mi devo lavorare ben bene l'altra metà.. che tra l'altro non vede l'ora di trovare una scusa per comprarla (per cui spero non si riveli una missione impossibile!)
    Magnolia niger? non conosco!! cercherò di vederne! io e te abbiamo troppe cose in comune... comincio a preoccuparmi per te! ;-)

    @ catobleppa: prova, prova e poi fammi sapere, variazioni incluse!

    RispondiElimina
  5. Evelyne, questi sformatini sembrano proprio perfetti e con formaggio di capra penso che siano ancora più buoni! Spero proprio di provare a farli. Sono molto invidiosa del tuo giardino e delle tue piante ... io ho sempre vissuto in appartamento e in città e non ho mai pensato ad avere delle piante, ma queste tue sono veramente belle!

    RispondiElimina
  6. l'espressione "è un ciotolo" (per dirla alla toscana) è bellissima!
    se vuoi che ti dica la mia, io invece ogni volta che mi metto a fotografare trovo sempre la batteria scarica. regolarmente! ;-)
    buona giornata.

    RispondiElimina
  7. @ laura.lau: prova, sono semplicissimi e il risultato è stupefacente! Per il giardino guarda che ti capisco benissimo, io l'ho sempre sognato e ho sempre vissuto in appartamento... solo adesso posso dare libero sfogo! (in avvicinamento ai 40... forse a 60 riuscirò ad arrivare all'irraggiungibile sogno del cascinale! chissà!?!)

    @ cobrizo: è un ciotolo esprime con esattezza quello che è! ;-) buona giornata anche a te.

    RispondiElimina
  8. Evelyne una ricetta fantastica, ma qui non trovo buone zucche, ho provato dal mio verduraio che ne aveva una per caso, ma era proprio cattiva e stoppacciosa, un vero peccato.

    RispondiElimina
  9. @ Marina: mi dispiace veramente... sarà per la prossima! ;-)

    RispondiElimina