giovedì 26 febbraio 2009

mal di giostra




In questi giorni si affaccia timidamente il sole, ad annunciare la primavera che sta per arrivare... finalmente... dopo queste lunghe pioggie non se ne poteva proprio più!
E' quindi arrivato il momento di mettere in cantiere progetti per il giardino... che "s'ha" da trasformare da "campo", come lo chiama l'altra metà, a giardino vero e proprio! Per ora vi regnano sovrani solo alcuni alberi da frutto, diverse piante aromatiche e qualche sparuta pianta da fiore, i bulbi non sono ancora spuntati e... il pratino fa un po' spavento, ma viste le pioggie che ci sono state posso solo essere soddisfatta visto che lo abbiamo seminato quest'estate!
La prossima settimana sarà in parte dedicata alla ricerca di piante che si possano adattare al "campo" in questione... con (sicuramente) sdegno e soddisfazione del vicinato che ormai ha perso ogni speranza che il nostro si trasformi in un giardino degno di questo nome!!
Loro hanno giardini ben curati, con piante comprate per la bellezza e per la scarsa necessità di potature (perché, dicono, non saprebbero dove mettere le mani)... hanno impianti di irrigazione (ovviamente che si attaccano all'acqua potabile)... luci che illuminano "scenograficamente".... quelli che il pratino non sono riusciti a farlo crescere hanno piastrellato.... (aiutooo! ma dove sono capitata?? perché chi compra un pezzo di terra poi lo piastrella?). Noi abbiamo cercato, nel nostro piccolo, di fare scelte sulla base dei nostri gusti e del biogiardinaggio, abbiamo cioè cercato, in breve, di scegliere in maggioranza piante adatte alla latitudine in cui ci troviamo, quindi tendenzialmente più resistenti agli attacchi parassitari e meno "assetate" nei periodi più caldi, abbiamo quindi seminato trifoglio (perché arricchisce il terreno di azoto e non richiede molte cure, tende anzi ad essere invadente), alberi da frutto possibilmente autoctoni e piante aromatiche in abbondanza (perché così avremo frutta e aromi bio sempre a disposizione) e, per ora, solo qualche pianta da fiore... assolutamente niente a che vedere con il loro modo di vedere il mondo.. per questo parlo di sdegno, perché le piante che sceglierò non avranno mai la loro approvazione, ma anche di soddisfazione, perché finalmente a qualcosa assomiglierà questo "campo"!
Detto questo, e messa definitivamente una pietra sull'argomento, che tanto non ci condiziona la vita, si preannuncia un periodo molto interessante, spero solo di trovare il tempo per fare tutto!
Nel frattempo le capre hanno ricominciato a fare il latte (con mia somma gioia che così ricomincio a fare lo yogourth), gli uccellini a fare i nidi.... e la gatta andrebbe portata a far sterilizzare... uff.... è una decisione che proprio non riesco a prendere, è come se fossi finita su una giostra che gira ad alta velocità e non riuscissi a muovermi... schiacciata dalla forza centrifuga sul mio seggiolino....


Purtroppo lo devo proprio fare, non sono sostenibili due parti all'anno... per lei e per noi! La nostra scelta è stata quella di non mettere limiti ai gatti, possono uscire come e quando vogliono... però questo comporta che si faccia anche questo passo... sarà dura ma lo "devo" fare.
Non so perché ma mi risulta molto più difficile prendere questa decisione per selva piuttosto che per pistone... sarà solidarietà di genere, sarà che ci vedo qualcosa di più "debilitante"... non so...
Comunque sia è una decisione difficile da portare avanti, sopratutto quando ci sei già passata con altre gatte e sai come ritornerà dopo l'operazione... sai che stai consegnando una gatta ignara e in buona salute e che ti riconsegneranno invece una gatta che avrà bisogno di cure e di affetto... tanto affetto.... per farle superare questo brutto risveglio!
Non sarei dovuta finire a parlar di gatti ché oggi non doveva essere un giorno dedicato a loro (in effetti il post si intitola "la Zuppa Toscana"!), ma il filo dei pensieri mi ha portata qui, quindi che fare? salto di palo in frasca?? Facciamo che pubblico un'altra RICETTA PER GATTI questa settimana.. rimandando ad un altro momento altre ricette che aspettano ordinatamente in fila il giorno in cui mi degnerò di pensare a noi umani! (e nel frattempo cambio nome al post.. che altrimenti mi prendete per pazza!)


Riso merluzzo e bietole

ingredienti


400 gr di filetti di Merluzzo
100 gr di bietole
100 gr di riso
200-250 ml di latte

In un pentolino mettere il merluzzo, il latte in quantità suficiente a coprirlo e le bietole (io le metto subito perché uso quelle surgelate, ma usando bietole fresche le metterei dopo, al momento di mettere il riso).
Portare a bollore, poi aggiungere il riso precedentemente fatto ammollare (così non si ammappazza e cuoce in minor tempo), far cuocere fino al punto di cottura (ovvero, se lo avete ammollato, il tempo indicato - 2 minuti), quindi spegnere e lasciar raffreddare (in questo modo il riso si scuoce un pochino e assorbe il latte restante).
Quando sarà raffreddato sminuzzare il pesce, in modo anche da verificare l'assenza di lische e servire.

Come preannunciato ecco anche un breve elenco di variazioni possibili e gradite:
- Merluzzo e carote (da mettere subito, ché i tempi di cottura delle carote sono lunghi)
- Merluzzo, carote e finocchi (idem)
- Merluzzo finocchi e lattuga (i finocchi si mettono subito e la lattuga poco prima della fine cottura, tagliata a listarelle)
- Merluzzo e insalata (vedi sopra)
- Merluzzo e zucchine (da mettere insieme al riso)
- Merluzzo e pomodorini (idem)

20 commenti:

  1. @ marina: problemi a commentare??

    RispondiElimina
  2. Ok funziona, Evelyne per qualche giorno non sono riuscita a far passare i commenti, ho avuto lo stesso problema nel mio blog e per risolverlo ho eliminato la verifica con le lettere. Mi dispiace non averti detto subito che i miei mici sono come i tuoi, vai in bagno, allora tutti in bagno e se chiudi la porta lamenti straziandi e botte per aprire. In effetti a casa mia le porte non hanno senso. Volevo poi commentare la tua ansia per l'operazione alla micia, stai serena, la mia piccola, operata nell'aprile scorso, si è rimessa presto anche perché adesso hanno tecniche nuove, meno invasive, fanno tagli piccoli piccoli e pensa aveva solo quattro punti. Mi rendo conto che la scelta è dura, ma si possono far fare loro decine di cuccioli destinati a vita precaria se non peggio? Una volta la gatta dei miei genitori ha fatto dei gattini che pensavamo di aver sistemato bene da persone fidate e invece no, sono accadute cose non simpatiche. Scusami se ti dico questo, ma è per rasserenarti su una decisione che senti difficile. Non so forse è anche il mio veterinario, buddista, che è piuttosto rasserenante, quindi riesco ad affrontare questi passaggi un po' meglio. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. @ marina: mi presteresti il tuo veterinario please?

    RispondiElimina
  4. ciao evelyne ieri mi sono riconnessa dopo un po'.... tra una febbre e l'altra...
    ho trovato tanti post arretrati da leggere....
    e la mail zeppa di messaggi....(molti vostri...mi sono persa qualche cossa?!?!) sono convinta che il vostro capetto sarà il più bello il più vero... coraggio!!!
    ciao Vale

    RispondiElimina
  5. Che bello organizzare un giardino!!! Io purtroppo mi devo accontentare di un piccolo terrazzo e nonostante questo sono riuscita a farci entrare un bel po' di verde ;o)
    Non ho mai fatto ammollare il riso prima di cuocerlo....serve a diminuire l'amido?
    Piatto gustoso e light ;o)
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  6. @ valentina: spero che lo diventi! anche se non fosse il più bello mi basta che piaccia tanto a noi!
    ps prova crema di finocchi rimandata, ho dovuto dare la priorità ad altre cose!

    @ antonella: ho vissuto anch'io fino ad un anno fa in appartamenti con terrazzo e anch'io li riempivo di piante all'inverosimile! Il giardino è tutta un'altra dimensione, le piante cambiano completamente, diventano più grosse, più "sode", più belle... e quelle che ti sembravano tantissime piante diventano un angolino di verde! da perdercisi.... ;-)

    RispondiElimina
  7. dimenticavo a proposito del riso ammollato: sicuramente perde molto amido e credo sia questa la ragione per cui tende ad "ammapparsi" meno.. inoltre impiega meno tempo a cuocere (avendo in parte già assorbito dell'acqua!)

    RispondiElimina
  8. è una ricetta molto curiosa almeno per me, ma l'insime mi piace molto

    RispondiElimina
  9. non vorrei aver dato adito a fraintendimenti: è una ricetta per gatti! (ho aggiunto nel post un paio di frasi che aiutano a capirlo adesso)

    RispondiElimina
  10. Evelyne certo che te lo presto il mio veterinario, solo che sta in quel di Falconara Marittima, se vuoi ti posso mandare il numero di telefono e magari lui ha qualche amico nella tua zona. Oggi mi sono commossa con le mie gattine. Violetta, la più "anziana" mi è stata intorno per un po' in un'ora insolita che lei dedica in genere alle pennichelle, e invece mi seguiva e mi "parlava" (gnao gnao), e io non capivo, "ma che hai Violet, che vuoi?". Niente. Poi mi ha seguita in cucina e lì mi sono resa conto di avere un'oretta prima chiuso inavvertitamente fuori del balcone l'altra, la Nana. Violetta mi stava avvisando, mi sono quasi messa a piangere.

    RispondiElimina
  11. Ciao evelyne ! Anche il mio vet fa un buchino molto piccolo Gli ho portato tantissime gatte di strada che tornavano subito in azione . Capisco il magone ma non credo ci sia scelta...e pistone ? Io avrei paura delle macchine !

    RispondiElimina
  12. @ marina: a volte fanno delle cose incredibili!! non è la prima storia di questo genere che sento!

    @ valentina: ne avrai di sicuro, domani procedo!

    @ natalia: paura delle macchine ce l'ho, ovviamente, ma non posso impedirgli di uscire! per cui ora, come dici tu, non ho scelta... questa settimana prendo l'appuntamento!

    RispondiElimina
  13. Anche di qua..! Per il giardino un'idea : pianta da fiore - senza nemici o quasi - quando in fiore è un cespuglio giallo oro!!! Non è della famiglia dei 'semplici' ma può essere utilizzata per ...omeopatia... si chiama IPERICO . All'Esselunga ho trovato il pane con le radici ,mi sembra €9 . L'ho presa per il terrazzo . Prova ! San Bernardo

    RispondiElimina
  14. Evy (l'altro è troppo lungo) , ma sono ancora cuccioli? se sono cresciuti è peggio ! Quando avevo Snoopy ( bello,nero,pelo lungo ,madre certosino padre angora ma da cortile..)lo portammo dal vet ancora piccolo : rimase rinco...per una mezza giornata . Morì a 19 anni ! L'attuale Foggy ,mi stava nella tasca dell'impermeabile quando lo portammo : stesso trattamento,stesso risultato. Ora ha quasi 17 anni ! San Bernardo.

    RispondiElimina
  15. @ san bernardo: benvenuto e grazie per il consiglio, conosco l'iperico e confermo che è molto bello in fiore!!
    per i gatti: sono piccoli, pistone ha 7 mesi e selva 10... ho già preso il tormentato appuntamento.... questo venerdì!

    RispondiElimina
  16. Intanto...BUONA FESTA!!!!! Poi, per i gatti, è andata come dicevo io ? Rincorbelliti per tutta la giornata e rintanati in un angolo ? Dopo, vivrete tutti meglio:loro senza problemi...sessuali , tu senza l'assillo di dover impiantare una nusery....e sopratutto senza 'profumini strani' in giro per casa...Quando marcano il territorio,lo MARCANO sul serio, se non si è provveduto all'alleggerimento....Per l'iperico,mi ero dimenticato di dirti che è una pianta che non ha problemi nè di carattere parassitario nè di carattere atmosferico : viene coltivata anche nei campi...

    RispondiElimina
  17. Grande 'pasticciamento' con Mamma Gatta : avresti dovuto esserci ! Una simpatica bolgia. Ho lasciata una traccia sul blog cavolettiano...

    RispondiElimina
  18. @ san bernardo: grazie per gli auguri.... io sono stata un pochino in esilio per stare dietro ai due pelosetti, come dici tu lui è stato rincorbellito e rintanato tutto il giorno, lei invece, anche se molto più sensibile al dolore, ha dovuto ri-esplorare tutta la casa e farsi un po' consolare per questa brutta esperienza.... sono sempre più convinta che abbiamo una visione umanocentrica... poveri gatti!!

    RispondiElimina